Corsi on-line

5 consigli per ottimizzare un DB Server

Ho scritto in precedenza alcuni post in cui erano presenti indicazioni per rendere più performante il proprio Database Server, in essi però non mi sono occupato di fornire delle soluzioni relative alle caratteristiche del sistema operativo di riferimento.

Con questo articolo cercherò di rimediare mettendo a disposizione alcune indicazioni utili che, pur essendo estremamente semplici da trasformare in buona pratica, potrebbero risultare fondamentali in sede di amministrazione di un DBMS; cominciamo:

  1. eliminare tutte le funzionalità non necessarie, limitarsi ad utilizzare quelle relative al funzionamento del Database Manager, al monitoraggio delle sue attività e alla sicurezza dei dati;
  2. escludere l’utilizzo di un’interfaccia grafica, questa può essere presente in fase di sviluppo ma è estremamente dispendiosa in sede di produzione, un’installazione di Linux con accesso da terminale può essere considerata una configurazione ottimale;
  3. utilizzare un sistema che consenta la creazione di un ambiente di test, ciò permetterà di identificare eventuali malfunzionamti e di attuare le corrette contromisure in caso questi si verifichino durante l’interazione con i client;
  4. partizionare tutto e tutte le volte che è possibile; ciò vale sia per lo spazio disco dell’Host che per il dataset stesso (per quanto riguarda il dataset il partizionamento è consigliabile soltanto in caso di gestione di dati reali);
  5. partizionare tenendo conto dei dati che dovranno essere gestiti, inutile utilizzare i cluster su database già strutturati, meglio pianificare in anticipo le operazioni di gestione.
Post correlati
I più letti del mese
Tematiche