Corsi on-line

Chime.in: il social network che (ri)paga gli utenti

Tra le varie iniziative legate al social networking, di recente ha fatto parlare di se il progetto Chime.in, si tratta in pratica di un social network ancora in fase di betatest che, a differenza di altre realtà dello stesso tipo (o simili) come Facebook, Twitter e Linkedin, paga gli utenti per la loro partecipazione; concepito dalle fertili menti dei ragazzi di UberMedia, questo progetto è dedicato in particolare alla navigazione in mobilità.

L’idea di base di questa piattaforma a rigor di logica non fa una piega: i social network guadagnano dall’attività degli iscritti, quindi perché gli iscritti non dovrebbero partecipare ad una parte degli introiti? Per questa ragione nel servizio è stato introdotto un sistema basato sul revenue sharing (“ripartizione dei ricavi”) per cui più intensa e condivisa sarà la “vita sociale” degli utenti, più questi avranno la possibilità di guadagnare.

Detta così, sembrerebbe difficile trovare una “falla” nel progetto di  UberMedia, l’azienda è però la stessa che ha avuto in passato poca fortuna nel tentativo di creare un’alternativa a Twitter, quindi tutti i risultati sarebbero in teoria possibili. Di sicuro una politica del genere non verrà mai adottata da Facebook che può vatare di aver raccolto oltre 800 milioni di iscritti senza regalare un soldo a nessuno di essi, giusto o sbagliato che sia.

Post correlati
I più letti del mese
Tematiche