Corsi on-line

Linux Kernel 3.3 integra i moduli per Android

Linux Torvalds, altrimenti noto come il papà del Pinguino più noto della Rete, ha finalmente messo a disposizione per il download la versione 3.3 del Kernel Linux, un rilascio particolarmente interessante al di là del numero di versione perché presenta per la prima volta l’integrazione parziale con i moduli core del sistema operativo mobile Android.

La notizia è particolarmente interessante perché rappresenta la fine di una lunga diatriba tra gli sviluppatori del Kernel Linux e quelli della piattaforma sponsorizzata da Google, infatti, il sorgente relativo al progetto di Mountain View non era stato incluso nei repository di Linux proprio per l’incapacità di raggiungere un accordo relativamente alle road map e alle finalità dei progetti.

Per quanto riguarda le novità a livello tecnico, è da segnalare innanzitutto la possibilità di effettuare il boot di un’immagine del kernel direttamente tramite il firmware EFI (Extensible Firmware Interface) senza la necessità del supporto di applicazioni di terze parti; tale innovazione dovrebbe essere particolarmente interessante anche per l’utilizzo in ambito enterprise, EFI infatti semplifica la gestione delle postazioni e dei server da remoto riducendo i costi necessari per la manutenzione.

Il Kernel 3.3 adotta anche una struttura rinnovata per il file system BTRFS (B-tree FS o Butter FS) che presenta ora un tool di riparazione proprio diverso da fsck; BTRFS si starebbe avviando a diventare il sistema di archiviazione e gestione dei dati predefinito per alcune delle distro Linux più diffuse, offrire un maggior supporto era divenuto praticamente obbligatorio.

Il merging con il sorgente di Android porta ora  all’introduzione di nuovi logger come per esempio la possibilità di terminare applicazioni in caso di eccessivo overhead (utilizzo di risorse accessorie), mentre la release 3.4 dovrebbe presentare delle interessanti novità per quanto riguarda la gestione energetica.

Post correlati
I più letti del mese
Tematiche