Corsi on-line

Mozilla Persona è in Beta per l’autenticazione no-password

Gli sviluppatori della Fondazione Mozilla hanno rilasciato la prima versione Beta del progetto Persona, altrimenti noto con il suo nome precedente: BrowserID; si tratta di una tecnologia per l’autenticazione senza l’utilizzo di password rilasciata sotto licenza Open Source (MPL 2.0). Tale servizio potrà essere utilizzato direttamente dai server della stessa casa madre o scaricato sotto forma di codice sorgente dalla piattaforma GitHub. La buona notizia per gli sviluppatori e per gli utenti è che tale sistema non è dedicato unicamente al browser Firefox, esso infatti è compatibile con in principali software per la navigazione su Internet; il suo utilizzo non prevede l’installazione di apposite estensioni, il supporto nativo si dovrebbe infatti rivelare fondamentale per la sua diffusione.

Il funzionamento di Persona si basa su una logica estremamente semplice, essa da infatti la possibilità di associare uno o più indirizzi di posta elettronica ad un account, in questo modo la password per l’accesso a servizi di terze parti sarà quella relativa alla propria (o alle proprie) email. Tale sistema potrebbe apparire in contraddizione con la filosofia no-password che ispira il progetto, ma in realtà non lo è.

In pratica, Persona si propone come un meccanismo che elimina l’esigenza di adottare una nuova password nel momento in cui si decide di procedere con l’iscrizione ad un determinato servizio; tutti i messaggi provenienti dalle piattaforme all’interno delle quali si possiede un account dovrebbero essere inviate automaticamente all’indirizzo di posta associato. Si verrebbe così a creare un sistema centralizzato per l’autenticazione e la comunicazione.

Pensando alle esigenze degli sviluppatori, la Mozilla ha messo a disposizione anche un package di API (Application Programming Interface) che potranno essere utilizzate per l’interazione delle proprie Web Application con il sistema di autenticazione; tecnicamente Persona funziona sulla base del JavaScript environment Node.js e richiede alcune dipendenze, le procedure necessarie per il setup sono già disponibili sul sito della casa madre.

Post correlati
I più letti del mese
Tematiche