Corsi on-line

Testare Firefox OS su ..Firefox

In attesa del rilascio di una prima release definitiva della piattaforma, la Fondazione Mozilla ha reso disponibile un simulatore di Firefox OS che potrà essere installato come estensione dell’omonimo Web browser Open Source; l’utilizzo sotto forma di add-on per Firefox non permetterà di accedere a tutte le features del sistema operativo mobile che per il momento è ancora in fase sperimentale, ma consentirà di testarne le funzionalità di base.

A ben vedere neanche Firefox OS Simulator si presenta come un prodotto maturo, attualmente il suo numero di rilascio è infatti lo 0.7, esso ha però il vantaggio di presentarsi come un’applicazione multipiattaforma compatibile con le versioni di Firefox per le distribuzioni basate sul Kernel Linux, (Mac) Os X e Windows.

Prima di utilizzare l’estensione è bene comprendere che essa non fornisce un sistema operativo che opera in virtualizzazione, più propriamente si tratta di uno strumento pensato per la creazione di un ambiente di test grazie al quale gli sviluppatori potranno sperimentare le possibilità di accesso alle API (Application Programming Interface) per la realizzazione di Apps dedicate.

Firefox OS è una piattaforma mobile sviluppata in seno al progetto denominato Boot to Gecko (o B2G),  essa si basa sul Kernel Linux (come del resto accade già per l’Android di Mountain View) e sfrutta un engine modellato su Gecko, cioè il motore di rendering utilizzato sia da Firefox e che dal client di posta elettronica Thunderbird; Firefox OS consentirà l’integrazione di Apps sviluppate  in HTML5 e JavaScript con il concorso di interfacce per la programmazione.

Si tratta di un prodotto appositamente pensato per la gestione di un ecosistema mobile come quello degli smartphone, ma per il momento è difficile effettuare una previsione su quale potrebbe essere il suo market share di riferimento dopo la distribuzione di una stabile; se però è vero che una versione definitiva dovrebbe essere pronta entro il 2013, è anche innegabile che non vi potrà essere alcuna diffusione senza un mobile vendor disposto a scommettere su di essa attraverso un proprio modello da commercializzare.

Post correlati
I più letti del mese
Tematiche