Corsi on-line

Ubuntu: velocizzare APT con Apt-Fast

APT (Advanced Packaging Tool) è un package manager utilizzato come gestore standard sulla distribuzione Debian poi ereditato da Ubuntu  che lo utilizzata come applicazione predefinita per le operazioni di installazione e aggiornamento tramite i repository e per la rimozione dei pacchetti software; APT è di per se uno strumento relativamente performante ma l’esecuzione delle sue procedure potrebbe essere accelerata grazie all’utilizzo di un’utility rilasciata sotto licenza Open Source (GNU GPLv3) come Apt-Fast.

Giunto attualmente alla versione stabile 1.8, Apt-Fast è in pratica un shellscript wrapper per APT concepito per rendere più rapido il download dei packages; essendo un wrapper esso non si sostituisce al package manager ma si limita ad integrarne il processo; il suo core si basa su un’altra applicazione, Axel, un HTTP/FTP download accelerator per i sistemi operativi basati sul Kernel Linux che agisce attraverso l’attivazione di connessioni multiple per lo scaricamento di singoli pacchetti.

L’installazione di Apt-Fast su Ubuntu potrà essere effettuata direttamente da Terminale tramite lo stesso APT, basterà digitare di seguito le seguenti istruzioni da linea di comando:

sudo add-apt-repository ppa:apt-fast/stable
sudo apt-get update
sudo apt-get install apt-fast

In questo modo verrà aggiunto il repository del software nel sistema, si aggiornerà il sorgente di APT e si potrà procedere con l’installazione; l’applicazione non sarà immediatamente utilizzabile, per cui si dovrà chiudere il Terminale e riaprirlo per poi adottare il comando “apt-fast” in luogo del classico “apt-get”.

Secondo quanto dichiarato dal suo sviluppatore, Apt-Fast sarebbe in grado di velocizzare fino a 26 volte le installazioni e gli aggiornamenti rispetto ad APT. Non resta quindi che metterlo alla prova.

Post correlati
I più letti del mese
Tematiche