Corsi on-line

Web hosting con GDrive

La funzionalità che avrebbe permesso di trasformare il servizio per lo storage multi-dispositivo Google Drive in uno spazio hosting era attesa da tempo per poi diventare disponibile nelle scorse ore; il supporto disponibile per chi intende utilizzare questa feature si presenta però molto limitato, almeno per ora infatti sarà possibile ospitare esclusivamente pagine statiche, chi si aspettava un ambiente di sviluppo che includesse opzioni server side o per l’interazione con le basi di dati rimarrà deluso.

Andrebbe poi approfondito il discorso relativo alla banda disponibile dato che per ora non sarebbero state fornite informazioni dettagliate riguardanti la quantità di traffico consentita; l’annuncio della nuova funzionalità è stato dedicato esclusivamente alle caratteristiche presentazionali:

You can now create and share hosted websites when you store HTML, JavaScript, and CSS in Google Drive.

La procedura necessaria per convertire il proprio account in uno spazio per ospitare ipertesti è estremamente semplice, l’utilizzatore dovrà infatti seguire pochi passaggi per diventare immediatamente operativo:

  1. Autenticarsi su GDrive;
  2. identificare o generare la directory che si desidera utilizzare per poi selezionarla;
  3. clickare sull’icona “Condividi”;
  4. condividere pubblicamente la cartella in modo che risulti accessibile a chiunque (“Impostazioni di condivisione >> Opzioni di visibilità >> Pubblica sul Web”);
  5. uploadare i file relativi al sito Web ospitato;
  6. selezionare “Anteprima”;
  7. distribuire l’URL generata nel formato dato, ad esempio “www.googledrive.com/host/public..”

Attualmente non viene fornita la possibilità di associare un nome di dominio personalizzato all’hosting utilizzato, inoltre, tutte le componenti dinamiche a livello di front end dovranno essere affidate a JavaScript con tutti i limiti dovuti all’orientamento fortemente client side del servizio.

Post correlati
I più letti del mese
Tematiche