Corsi on-line

Aggiornare Ubuntu alla versione 13.04 Raring Ringtail

Con l’avvicendarsi dei rilasci sono sempre meno entusiasta riguardo alla politica di aggiornamenti stabilita dalla Canonical, da questo punto di vista la recente beta di Ubuntu 13.04 (Raring Ringtail) non rappresenta un’eccezione; l’introduzione di Unity 7 è sufficiente a giustificare una nuova LTS? Che lo sia o meno, ormai sembrerebbe chiaro che con le prossime release si avrà a che fare con Unity Next e Mir (di Shuttleworth e soci) quale Display Server.

Unity sta percorrendo la strada che porterà irrevocabilmente all’abbandono delle GTK+ in favore di una riscrittura in QT e in QML, il tutto nel quadro di un progetto che vede la migrazione dell’interfaccia e del server grafico come un’eventualità necessaria per l’adattamento multi-dispositivo (dai tablet agli smartphone, dalle smart Tv alle console); ma, per ora, le novità apportate da Unity 7 non riguardano strettamente il rendering.

L’ultima release del Desktop environment presenta infatti delle nuove smart scopes, un sistema per l’instradamento delle ricerche dal Dash ai server della casa madre; i dati raccolti verranno così indirizzati verso motori di ricerca selezionati per la restituzione di risultati quanto più precisi possibili. Le implicazioni per la privacy sono innegabili, soprattutto per chi gestisce documentazione riservata tramite la propria installazione, ma vi sarà sempre la possibilità di disabilitare tale feature.

In attesa del 25 aprile, data prevista per il rilascio della stabile di Raring, è già possibile effettuare un aggiornamento a tale versione; una volta effettuato un backup completo dei propri dati (usate One, Dropbox, GDrive o quello che preferite, ma non dimenticatevi di creare una copia di sicurezza), ci si potrà recare sul Gestore degli aggiornamenti e visualizzare la notifica dell’ennesimo rilascio. Se quest’ultima non dovesse essere disponibile si potranno lanciare da Terminale le seguenti istruzioni:

$ sudo apt-get update
$ sudo apt-get upgrade

Fatto questo e clickato sui tasti [ALT]+[F2] si potrà proseguire con il comando:

$ update-manager -d

e accedere al Gestore degli aggiornamenti per selezionare la release 13.04 con la quale procedere all’upgrade. Il tempo necessario per la conclusione di tale procedura varierà a seconda della disponibilità di risorse fornite dalla configurazione della macchina di riferimento; ciò significa che un terminale datato potrebbe richiedere un’attesa anche particolarmente lunga.

Post correlati
I più letti del mese
Tematiche