Corsi on-line

Windows Blue è in Alpha

Nelle scorse ore è comparsa sul Web una copia della release Alpha di Windows Blue, quello che dovrebbe essere l’aggiornamento dell’attuale Windows 8; la disponibilità di questa versione sotto forma di stabile è prevista per la fine della prossima estate, ma la Alpha (build 9364, edizione a 32 bit in Inglese) circolerebbe già all’interno di alcuni canali per il file sharing che permetterebbero di scaricare una sua immagine ISO da 2,93 Gb.

Le anteprime di Blue pubblicate in Rete suggeriscono alcune importanti differenze rispetto al rilascio numero 8, caratteristiche osservabili immediatamente dopo l’avvio del sistema operativo che fornisce un’interfaccia Modern UI maggiormente personalizzabile e più simile a Windows Phone 8 per alcuni aspetti; l’utilizzatore avrà per esempio la possibilità di modificare lo Start Screen senza la necessità di accedere al menù delle impostazioni.

Si potrà poi effettuare il resize o l’ingrandimento dei live tiles (le famose “mattonelle” già previste nel prototipo Metro) tramite due appositi pulsanti denominati “Smaller” e “Larger“, di deafult essi si presenterebbero comunque di dimensioni ridotte rispetto al passato; novità anche per quanto riguarda la Snap View, tale modalità permetterà di dividere l’area di visualizzazione di uno schermo in due o quattro parti uguali, ognuna dedicata ad una App.

Da segnalare la possibilità di accedere direttamente a numerosi strumenti, come per esempio le opzioni per il networking, i tools per l’aggiornamento e il ripristino, la sincronizzazione attraverso SkyDrive, la Home, lo Screen e il Lock Screen; nel complesso sembrerebbe essere stato effettuato un imponente sforzo per superare la precedente impostazione che richiedeva il ricorso al Panello di Controllo per alterare la disposizione degli elementi.

Windows Blue supporta il rendering in multi-monitor e integra una Charms Bar rivista e corretta con nuove features come per esempio  le opzioni Play in DevicesScreeshot in Share; il browser di riferimento per la piattaforma sarà invece IE11 che, tramite la funzionalità Like Gecko, permetterà l’alterazione dello User Agent per il riconoscimento del browser come versione di Firefox in modo da risolvere alcune problematiche legate all’incompatibilità.

Post correlati
I più letti del mese
Tematiche