Corsi on-line

Obbligo di comunicazione della PEC entro il 30 giugno 2013

Entro il 30 giugno del 2013 le imprese individuali e le società avranno l’obbligo di comunicare la propria casella PEC (Posta Elettronica Certificata) al Registro Imprese, un adempimento che non risulterebbe particolarmente gravoso se non fosse per il fatto che la Pubblica Amministrazione ha previsto la possibilità di effettuare tale comunicazione soltanto attraverso modalità macchinose e dispendiose per la necessità del ricorso ad un consulente.

PEC

Per quanto riguarda le imprese individuali sarà necessario distinguere tra imprese nuove iscritte e iscritte prima del 20/10/2012. Come conseguenza della mancata comunicazione della PEC, le imprese individuali nuove iscritte verranno poste in correzione e, se non regolarizzate entro 45 giorni dall’invio, saranno rifiutate; per quanto riguarda le imprese individuali già iscritte, a partire dal 1/07/2013 la mancata comunicazione della PEC causerà la sospensione per 45 giorni di ogni domanda di iscrizione presentata, in attesa dell’integrazione della PEC; trascorso tale periodo, la domanda si intenderà non presentata.

Analogamente, subiranno una sospensione le società nuove iscritte che entro la scadenza stabilità non avranno acquistato la PEC dai gestori abilitati indicati nell’Elenco Pubblico dei Gestori; per le società iscritte prima del 29/11/2008 è invece prevista la sospensione dell’iscrizione, per un massimo di 3 mesi, di qualunque atto inviato al Registro Imprese (denunce REA escluse ) fino alla comunicazione dell’indirizzo di Posta Elettronica Certificata; passato tale periodo l’atto verrà iscritto e applicata la sanzione prevista dall’art. 2630 cc. per Omessa esecuzione di denunce, comunicazioni o depositi.

La PEC dovrà essere indicata nella sezione “Dati sede dell’impresa” della pratica telematica di iscrizione al Registro Imprese; sia le imprese individuali che le società potranno comunicare la PEC tramite un professionista, attraverso ComUnica Starweb (o ComUnica Fedra), oppure adottare la procedura semplificata per i titolari in possesso di firma digitale (Iscrizione PEC (pratica semplice) per società).

Alcune fonti riportano che “l’adempimento è esente da bollo ma soggetto al versamento dei diritti di segreteria di Euro 10,00”, altre indicano che “la domanda di iscrizione del solo indirizzo PEC è esente dall’imposta di bollo e da diritti di segreteria”. Per maggiori informazioni vi rimando alla guida in PDF presente su questa pagina.

Post correlati
I più letti del mese
Tematiche