Corsi on-line

Cache e cache manifest in HTML5

Una delle novità più interessanti di HTML5 riguarda la possibilità di gestire un sistema per la memorizzazione temporanea delle pagine (caching) direttamente e interamente (o quasi) lato client; ciò è possibile attraverso un apposito file denominato “cache manifest” attraverso il quale si potranno specificare quali risorse dovranno essere allocate in cache e quali, invece, non dovranno essere memorizzate.

HTML5

Utile per velocizzare i tempi di caricamento delle pagine Web, il caching tramite HTML5 richiede innanzitutto che il percorso relativo al file “manifest” venga specificato attraverso il tag “HTML” che si occuperà di accettarlo come parametro; un semplice esempio di definizione della PATH al “manifest” potrebbe essere il seguente:

<!DOCTYPE HTML>
<html manifest="application.cache">

Fatto questo, bisognerà permettere a browser di effettuare il parsing del “manifest” in modo corretto, per questo motivo il file di cache dovrà essere associato ad un’intestazione di tipo MIME “text/cache-manifest“; tale header dovrà essere definito a livello di Web server, per cui lo si potrà passare tramite l’omonima funzione di PHP (“header()”).

La sintassi del “manifest” è molto semplice, a questo proposito si analizzi il contenuto del nostro file “application.cache”:

CACHE MANIFEST
default.html
style/application.css
scripts/jquery.js
img/application-logo.png

NETWORK:
application.php

Nel caso specifico, tutti i file elencati dopo la direttiva “CACHE MANIFEST” verranno allocati nella memoria temporanea, mentre per “application.php” (indicato dopo la chiave “NETWORK”) non verrà mai effettuata alcune azione di caching.

Post correlati
I più letti del mese
Tematiche