Corsi on-line

Utilizzo di Masonry in WordPress 3.9

Coloro che nello sviluppo di temi o estensioni per il Blog engine WordPress utilizzano la Cascading grid layout library Masonry dovrebbero tenere conto di alcune caratteristiche peculiari della versione 3.9 del CMS prima di passare alla fase di deployment; per chi non la conoscesse, Masonry è una soluzione basata su JavaScript che opera posizionando gli elementi di pagina in modo ottimale sulla base dello spazio verticale disponibile.

Masonry

In WordPress 3.9, attualmente disponibile sotto forma di Release Candidate in attesa del rilascio di un definitiva che dovrebbe arrivare entro la metà del mese, Masonry è stata aggiornata alla versione 3 che ha la caratteristica di non richiedere il framework jQuery per il suo funzionamento; sulla base di tale modifica, gli sviluppatori che adottano jQuery Masonry versione 2 nei plugin (così come nei temi), potrebbero osservare alcuni comportamenti inaspettati.

Tali malfunzionamenti dovrebbero verificarsi soltanto in rari casi, ma si tenga conto che in Masonry versione 2 sono presenti opzioni e metodi poi deprecati nell’aggiornamento successivo; poterebbero poi essere fonti di problemi l’utilizzo di nomi di classi propri della versione 2 in CSS (ad esempio .masonry-brick e .masonry), il ricorso a dipendenze di jQuery per Masonry e la semplice inclusione di codici sorgenti per la release più datata nella libreria stessa.

Si tenga conto che jquery-masonry dovrebbe comunque garantire la maggior retrocompatibilità possibile con metodi, opzioni e classi, quindi il suo utilizzo in temi ed estensioni dovrebbe mettere al riparo da eventuali eccezioni, ciò anche nel caso in cui si sviluppino soluzioni dedicate sia a WordPress 3.8 che a WordPress 3.9 (o futura versione successiva).

Gli interessati alla procedura di migrazione dalla versione 2 alla 3 di Masonry potranno seguire questa semplice guida presente nel sito ufficiale del progetto.

Via Make WordPress Core

Post correlati
I più letti del mese
Tematiche