Corsi on-line

Firefox diventa un ambiente di sviluppo grazie a WebIDE

Gli sviluppatori della Mozilla Foundation hanno integrato nell’ultima nightly (alpha release) del browser Open Source Firefox una nuova funzionalità dedicata al coding e denominata WebIDE, si tratta in sostanza di un’IDE (Integrated Development Environment), cioè di un ambiente integrato per lo sviluppo che permetterà di realizzare, testare e mandare in produzione applicazioni per il sistema operativo mobile Firefox OS.

WebIDE

Attraverso l’utilizzo di WebIDE, gli sviluppatori avranno a disposizione tutti gli strumenti necessari per creare una nuova App da zero (“from scratch“), generarne il package per la distribuzione, effettuare il deploy del software sia sul simulatore di Firefox OS che su un qualsiasi dispositivo basato su questa piattaforma ed effettuare operazioni per il debug da remoto direttamente dal browser e senza la necessità di estensioni di terze parti.

In questo modo sarà possibile lavorare all’interno di un ambiente familiare limitando quanto più possibile il ricorso a soluzioni addizionali, inoltre, WebIDE rappresenterà una soluzione libera e gratuita alternativa a strumenti rilasciati sotto licenza proprietaria nonché nettamente più “leggera” per il sistema rispetto ad ambienti concorrenti come Xcode o Visual Studio.

WebIDE fornirà nativamente tool per effettuare procedure di ispezione del DOM (Document Object Model), per il debugging, per lo scripting su console e per l’editing del codice; riguardo a quest’ultimo punto è stato integrato l’in-browser code editor JavaScript CodeMirror, forse un po’ essenziale (se non addirittura “spartano”) ma sicuramente modesto nel consumo di risorse.

L’idea di Mozilla dovrebbe essere quella di superare i confini di Firefox per trasformare WebIDE in uno strumento utile anche per browser differenti (come Safari e Google Chrome), ad oggi però esso permette di creare applicazioni per Firefox (anche la release per Android) e Firefox OS, mentre l’interazione fra IDE e browser è resa possibile tramite standard Firefox Remote Debugging Protocol.

Via Hacks.Mozilla

Post correlati
I più letti del mese
Tematiche