Corsi on-line

Breach: un browser in JavaScript per HTML5

Breach è il nome di un browser per la navigazione Web interamente scritto in JavaScript e concepito per una fruizione ottimale di risorse online basate su HTML5 e i Web standard più recenti; i sorgenti del progetto sono disponibili sulla piattaforma per il code hosting e il controllo di versione GitHub.

Cattura

La licenza d’uso di Breach (attualmente compatibile con i sistemi operativi Android e Linux) è Open Source, così come tutto lo stack tecnologico utilizzato per la sua implementazione, per questo motivo sarà possibile modificare liberamente i moduli esistenti o crearne di nuovi ai fini dell’integrazione di nuove funzionalità.

Quella di essere “modulare” è una delle caratteristiche più interessanti dell’applicazione, in Breach tutto è in pratica un modulo, sostanzialmente l’intero browser è costituito da Web applications che funzionano all’interno di un proprio processo indipendente dagli altri; l’utilizzatore avrà quindi la possibilità di personalizzare la propria user experience selezionando soltanto i moduli ritenuti necessari.

Una seconda peculiarità di Breach è quella che rende l’applicazione facilmente “hackable“, motivo per il quale si potranno apportare tutte le modifiche desiderate agendo direttamente sul sorgente; sostanzialmente l’interfaccia utente del browser è rappresentata da un modulo interscambiabile in JavaScript e HTML5, quest’ultimo permetterà di interagire con l’API (Application Programming Interface) di Breach.

Al livello primario già citato, cioè quello che fa riferimento al front-end, se ne aggiunge un altro attivo a livello funzionale nel quale la Chromium Content API, cioè la stessa utilizzata da Google Chrome, viene messa a disposizione del framework event driven NodeJS tramite il motore v8 per JavaScript lato server; a sua volta, NodeJS costituisce un terzo livello, questo perché il modulo di ciascun processo fa riferimento ad esso e interagisce con il core di Breach via IPC (Inter-Process Communication) che presenta il supporto multi-thread.

Via Breach

Post correlati
I più letti del mese
Tematiche