Corsi on-line

I nuovi trend dei domini gTLD

Aruba, nota società impegnata nel settore dei servizi per il Web hosting e la registrazione domini, ha recentemente reso disponibile un’infografica dedicata alle estensioni più richieste nel corso del 2014, i risultati contenuti in essa sarebbero stati ottenuti anche offrendo agli utenti la possibilità di esprimere una personale “lista dei desideri” riferita ai nuovi gTLD (Generic Top Level Domain).

Infografica-gTLD_DefAnalizzando i dati presentati si scoprirebbe, per esempio, che tra le estensioni più richieste vi sarebbe innanzitutto .web, un suffisso che verrebbe ricercato in modo particolare da coloro che operano nei settori delle Web agency, del marketing e della tecnologia; “.web” è infatti basato su un termine sufficientemente generico da poter essere adottato in contesti differenti, dalla sua parte ha inoltre caratteristiche di brevità ed immediatezza che in Rete vengono generalmente premiate.

Sempre secondo quanto comunicato dall’azienda aretina, nel periodo compreso tra il 17 dicembre 2013 e l’11 dicembre 2014 sarebbe cresciuto in modo sempre più evidente il numero degli utenti privati in qualche modo interessati alla registrazione delle nuove estensioni; riproponendo tale dato in termini percentuali questi ultimi avrebbero rappresentato una quota parte pari al 43% sul totale dei richiedenti, ciò a fronte di un market share del 27% per le aziende e del 30% per i lavoratori autonomi.

La disponibilità dell’estensione .cloud, suffisso gestito della stessa Aruba a partire dallo scorso novembre, avrebbe influito anche sull’incremento complessivo delle richieste per le estensioni attinenti all’ecosistema tecnologico; tra di esse è possibile segnalare .mobile, .solutions e .technology che sarebbero state le più ricercate nell’intervallo di tempo compreso tra il novembre del 2014 e il gennaio 2015, ma sarebbero molto numerose le richieste anche per suffissi come .app, .software e .site.

Grazie all’importante processo di liberalizzazione dei nomi a dominio di primo livello iniziato da circa due anni per volontà dell’ICANN (Internet Corporation for Assigned Names and Numbers), ora dovrebbero essere oltre 1.300 i nuovi gTLD arrivati o in procinto di arrivare sul mercato; tra i settori più coinvolti in questa iniziativa vi sarebbe anche il comparto “commercio e prodotti” dimostratosi particolarmente interessato alle opportunità fornite da estensioni come .shop e .store.

Via Aruba

Post correlati
I più letti del mese
Tematiche