Corsi on-line

Pulizie di Primavera per Google AdWords

In questi giorni sono due le notizie particolarmente interessanti per chi gestisce campagne pubblicitarie tramite il circuito AdWords di Mountain View; la prima riguarda l’eliminazione delle parole chiave e degli annunci non attivi, la seconda attiene invece il monitoraggio degli URL che subirà a breve alcune modifiche finalizzate all’ottimizzazione della gestione di questi ultimi.

adwords-logo-1Per quanto riguarda la rimozione delle keywords e degli annunci inattivi, a partire dalla settimana del 23 marzo 2015, Google semplificherà gli account degli inserzionisti eliminando quei contenuti che non hanno generato impressioni e sono stati rimossi da un periodo superiore ai 100 giorni; una volta che tali parole chiave e tali annunci saranno stati eliminati, non sarà più possibile visualizzarli o accedervi dal proprio account.

Questa iniziativa potrebbe rivelarsi utile ai fini della razionalizzazione delle campagne per l’advertising, ciò per via del fatto che i dati cancellati dagli utenti non vengono realmente eliminati, ma soltanto “cestinati” continuando ad influire sui rendimenti; tali elementi però risulterebbero interessanti ai fini delle analisi storiche, quindi in alcuni casi cancellarli definitivamente potrebbe tradursi in un danno per chi li ha utilizzati fino ad ora per le proprie strategie pubblicitarie.

Relativamente alla seconda decisione presa in questi giorni da Google, a partire dal 1° luglio 2015 bisognerà applicare agli URL la nuova struttura degli URL aggiornati; gli URL di destinazione verranno poi sostituiti dai nuovi campi. In pratica uno o più URL di destinazione di un account AdWords potrebbero presentare o meno dei parametri di monitoraggio, motivo per il quale:

  1. per chi non utilizza il monitoraggio degli URL verrà effettuato automaticamente l’upgrade degli URL copiando quelli di destinazione nel nuovo campo dell’URL finale, sia per gli annunci che per le parole chiave;
  2. per chi utilizza il monitoraggio degli URL è consigliato un upgrade degli URL entro il 1° luglio; diversamente, l’aggiornamento degli URL avverrà comunque automaticamente.

In entrambi i casi le colonne dei rapporti AdWords saranno aggiornate per rispecchiare tali modifiche; una volta completato l’upgrade degli URL bisognerà verificare che gli URL finali vengano visualizzati come previsto per le campagne gestite.

Via Google

Post correlati
I più letti del mese
Tematiche