Corsi on-line

Arduino diventa Genuino

Massimo Banzi, creatore della nota board Open Source per la prototipazione e l’hobbistica, ha approfittato del Maker Faire di New York per annunciare che Arduino cambierà nome diventando “Genuino“; tale iniziativa sarebbe una diretta conseguenza della diatriba in corso tra i fondatori del progetto; i dissidi societari in corso fra questi ultimi proseguono ormai da mesi e la preoccupazione che lo stato attuale delle cose possa pregiudicare lo sviluppo della scheda si starebbe facendo sempre più pressante.

arduino-unoSarebbe inutile, e probabilmente anche noioso, riepilogare per l’ennesima volta quanto avvenuto fino ad ora; sostanzialmente oggi ci si troverebbe a dover gestire una situazione che vede contrapposti quattro fondatori del progetto, compreso il già citato Banzi, e un quinto componente del team originario, Gianluca Martino, schierato con Federico Musto che è il nuovo CEO del gruppo che metteva a disposizione gli impianti per la produzione di Arduino prima della divisione.

Data la natura del diverbio, non stupisce che tra le motivazioni più rilevanti del contendere vi sia proprio il brand “Arduino”, marchio ormai noto a livello mondiale che attualmente viene adottato da entrambe le fazioni in causa; nel caso specifico abbiamo da una parte l’Arduino llc, prima società nata intorno al progetto che avrebbe acquisito la titolarità del nome grazie ad una registrazione effettuata negli Stati Uniti, e dall’altra la Arduino Srl (ex Smart Projects di Musto e Martino) a cui spetterebbe la paternità del brand in altri mercati tra cui quello di origine.

Verrebbe così a delinearsi una situazione abbastanza complicata che avrebbe costretto Banzi e soci a scegliere un nuovo nome; date le possibili implicazioni legali dovute ad un eventuale proseguimento nell’uso del marchio “Arduino”, la Arduino llc avrebbe optato per “Genuino”, un battesimo che non mancherebbe di una certa ironia visto il chiaro riferimento alle origini del progetto e l’assonanza con il brand già noto.

“Genuino” verrà prodotta negli Stati Uniti grazie alla collaborazione con la Adafruit Industries, paradossalmente proprio il paese dove l’Arduino llc ha ancora la possibilità di proseguire con l’utilizzo del nome “Arduino”; i primi esemplari della scheda ribattezzata dovrebbero essere commercializzati entro luglio.

Via Blog Arduino

Post correlati
I più letti del mese
Tematiche