Corsi on-line

Adobe rinnova Creative Cloud

Creative Cloud, la suite di strumenti per la grafica, l’animazione e il fotoritocco che la Adobe fornisce sotto forma di software as a service, è stata recentemente aggiornata dalla casa madre; quest’ultima, fin dal lancio della versione beta per la nota raccolta di applicazioni, aveva assicurato agli utilizzatori che sarebbero stati rilasciati numerosi upgrade accompagnati da un aggiornamento importante a scadenza annuale. Così è stato con Creative Cloud 2015.

acclogo

Due gli obiettivi della nuova release: un miglioramento evidente del livello delle performance e features più avanzate a disposizione dei professionisti della grafica e del design; da segnalare anche l’arrivo di Adobe Stock, uno store accessibile direttamente online dal quale sarà possibile prelevare circa 40 milioni di risorse tra fotografie, immagini e illustrazioni digitali; per incentivare la produttività, questo marketplace sarà utilizzabile senza abbandonare Creative Cloud.

In pratica gli utenti non dovranno fare altro che ricercare gli elementi grafici di loro interesse, selezionare quelli più adatti al proprio progetto e integrarli nell’elaborato corrente; da notare che per via del supporto a CreativeSync non sarà necessario salvare localmente le risorse prelevate da Adobe Stock, queste ultime infatti potranno essere memorizzate online direttamente nella piattaforma di lavoro, saranno poi accessibili attraverso qualsiasi dispositivo connesso a Creative Cloud.

Da questo punto di vista si avranno a disposizione, oltre all’applicazione client per i Desktop, anche quattro soluzioni per il sistema operativo mobile Android e due per iOS. Per quanto riguarda le funzionalità aggiuntive è possibile citare gli strumenti che consentono aggiungere immagini e grafici nelle tabelle in InDesign, la possibilità di collegare risorse tramite le Creative Cloud Libraries in modo da scegliere se un elemento modificato debba essere o meno aggiornato in tutti i progetti e la regolazione delle dimensioni e della rotazione di un oggetto spostato o di un area ampliata con Photoshop.

Il Mercury Performance System consentirà un utilizzo più veloce di Illustrator, mentre Premiere Pro permetterà di regolare le istanze relative a luce e colore tramite alcuni strumenti integrati ottenuti grazie alla combinazione tra SpeedGrade CC e Lightroom CC.

Si ricorda però che Creative Cloud è un servizio disponibile a pagamento, CS6 fu infatti l’ultima soluzione pacchettizzata fornita dalla Adobe; per usufruirne sarà necessario spendere da un minimo di 49.99 euro mensili per 10 immagini fino ad un massimo di 159.99 euro al mese per 750 immagini. Per i non iscritti è previsto un costo pari a 9.99 euro per immagine. Adobe ha inoltre deciso di offrire uno sconto pari al 40% agli utenti di Creative Cloud.

Via Adobe Creative Cloud

 

Post correlati
I più letti del mese
Tematiche