Corsi on-line

Il tuo computer è pronto per Windows 10?

Il 29 luglio la Casa di Redmond rilascerà la versione definitiva del nuovo sistema operativo Windows 10, piattaforma attualmente disponibile sotto forma di preview tecnica per i soli tester iscritti al programma Windows Insider. L’upgrade a Windows 10 sarà gratuito per tutti i titolari di un’installazione di Windows 7 o Windows 8/8.1.

 

Tech-Preview_Start-menu-500x281

Come promesso dagli sviluppatori di Big M, e a differenza di quanto accaduto per la precedente versione 8.x, l’ultimo nato dovrebbe supportare un parco hardware sufficientemente ampio, anche in presenza di configurazioni non particolarmente avanzate e di risorse limitate; al di là di tale considerazione, sarà comunque necessario verificare che la propria postazione presenti alcuni requisiti minimi.

Le caratteristiche sottoelencate dovrebbero essere valide per tutti i dispositivi supportati (Desktop, laptop e tablet), fatta eccezione per gli smartphone che dovranno fare riferimento ad un’apposita release mobile per la quale sarà lo stesso produttore a stabilire il grado di compatibilità con i vari device:

  1. tasti per accensione e regolazione del volume (limitatamente ai tablet);
  2. architettura a 32 o 64 bit;
  3. 16 Gb di spazio disponibile su disco per i 32 bit e 32 Gb per i 64 bit;
  4. 1 Gb di memoria RAM per i 32 bit e 2 Gb per i 64 bit;
  5. scheda grafica con supporto per DirectX 9.0;
  6. schermo con una diagonale da almeno 8 pollici;
  7. display con risoluzione minima pari a 800×600 px.

Per limitare quanto più possibile le incompatibilità sarà opportuno effettuare la migrazione a Windows 10 soltanto dopo essersi assicurati di aver installato tutti gli aggiornamenti disponibili e le patch di sicurezza per il sistema corrente. Da questo punto di vista è comunque importante segnalare che, molto probabilmente, una volta installato Windows 10 sarà necessario un ulteriore ricorso a Windows Update per il completamento del setup.

Chi dovesse disporre di una macchina non particolarmente datata difficilmente incontrerà delle problematiche a livello di driver, diverso il discorso per quanto riguarda la salvaguardia dei dati personali che verrà garantita soltanto da un backup completo da eseguire prima di qualsiasi tentativo di passaggio da un OS ad un altro.

Windows 10 dovrebbe essere distribuito abbastanza velocemente a livello mondiale, per limitare al minimo le attese è comunque possibile sfruttare l’apposita procedura per la prenotazione dell’aggiornamento.

Post correlati
I più letti del mese
Tematiche