Corsi on-line

Visual Studio Code: installazione su Ubuntu

Visual Studio Code è il nome di un code editor rilasciato dalla Casa di Redmond e concepito in particolare per quegli sviluppatori che prediligono l’utilizzo di soluzioni come ASP.NET e Node.JS;  a differenza di quanto accade per l’IDE Visual Studio giunta recentemente alla versione 2015, quest’ultimo viene messo a disposizione gratuitamente per tutte le piattaforme più diffuse: distribuzioni basate sul kernel Linux, (Mac) OS X e, naturalmente, Windows.

vsc

Il vincolo di “parentela” tra Visual Studio Code e Visual Studio appare immediatamente evidente anche dopo un’esplorazione sommaria dell’interfaccia utente in dotazione, il primo risulta però caratterizzato da un’impostazione più essenziale, quasi completamente improntata all’implementazione dei sorgenti. Comunque notevole il numero di linguaggi e formati supportati, i coders potranno infatti digitare codici basati su JavaScript, C#, C++, PHP, Java, HTML, R, CSS, SQL, Markdown, TypeScript, LESS, SASS, JSON, XML e Python appoggiandosi a strumenti per l’evidenziazione del listato e i suggerimenti sintattici.

Nel caso specifico, Visual Studio Code presenta l’integrazione con IntelliSense che accompagnerà lo sviluppatore durante le sessioni di lavoro incrementandone la produttività grazie all’autocompletamento dei costrutti e ad informazioni in tempo reale sul loro utilizzo corretto; disponibile anche un debugger built-in, il supporto per il controllo di versione tramite Git con possibilità di effettuare il code hosting su diverse piattaforme tra cui GitHub, Azure Web Apps e Visual Studio Online.

Per l’installazione dell’applicazione su distro Linux compatibili con Debian come per esempio Ubuntu, si consiglia di scaricare il necessario package da questo link, fatto ciò si potrà procedere con lo scompattamento dell’archivio trasferito localmente:

unzip VSCode-linux-x64.zip

L’esempio mostrato riguarda le architetture a 64 bit, ma si potrà seguire la medesima procedura anche per quelle a 32 bit; una volta ottenuta la directory per l’installazione ci si potrà portare all’interno di essa:

cd  VSCode-linux-x64

per poi lanciare Visual Studio Code con il seguente comando:

./Code

Questo editor completamente consacrato alla rivisitazione del code focused development potrebbe essere considerato anche come una testimonianza della maggiore apertura di Microsoft nei confronti delle soluzioni Open Source.

Via Visual Studio Code

Post correlati
I più letti del mese
Tematiche