Corsi on-line

7 CMS Flat File da considerare

Quando si parla di CMS si pensa subito agli onnipresenti WordPress e Joomla, che hanno ormai monopolizzato gran parte del mercato. Eppure questi CMS, come i loro concorrenti che si basano comunque sull’ausilio di un database di appoggio per la memorizzazione dei contenuti, non sono sempre la scelta universalmente adatta.

Dovendo ottimizzare un sito web esistente in ottica SEO, non si può non valutare la natura del sito stesso, le performance di caricamento ed anche le problematiche di manutenzione.

Innanzitutto un classico sito vetrina di poche pagine, se non monopagina, e dalle funzionalità limitate (limitate ad un form di contatto e qualche news) non ha tutto questo bisogno di un CMS complesso. Le continue connessioni al database appesantiscono inutilmente il traffico dati tra server e client.

Inoltre i problemi di sicurezza dovuti in gran parte al codice e la necessità di protezione del database stesso costringono ad un continuo aggiornamento questi CMS. Ecco quindi l’ipotesi di valutare, per siti piccoli e semplici, l’uso di CMS cosiddetti “Flat File“.

Sono piccole applicazioni basate su script che non hanno bisogno di database nel quale memorizzare i dati e possono gestire tramite template engine il markup comune delle pagine (header, footer, ecc.). Il vantaggio di queste soluzioni è il non dover ricorrere ad aggiornamenti continui, a poter utilizzare il 90% del codice HTML usato per i template di prova e soprattutto ottenere una velocità di caricamento senza paragoni. Ecco 7 fra i più comuni CMS Flat File che ho potuto testare come potenziali strumenti di sviluppo alternativo:

  • SiteCake: uno dei più popolari ed apprezzati dagli utenti finali grazie all’interfaccia di editing visuale estremamente intuitiva. Non è basato su template engine, permette di creare siti molto basic. A pagamento ($39 in versione standard e €239 in versione white label)
  • Stacey: molto leggero, senza file di installazione. Ricco di variabili per creare template dinamici, si basa su cartelle per contenere i file testuali che saranno tramutati in pagine. Free.
  • Yellow: estremamente semplice, forse uno dei più semplici di tutti. Tutto basato su file e cartelle, gestisce contenuti dinamici tramite l’inserimento di snippet di codice, non consente però granché se non installando qualche plugin aggiuntivo (form, gallery, ecc.). Perfetto per siti onepage e simili. Free.
  • Pulse: tra i più funzionali e ad elevata UX tra tutti pur mantenendo tratti spartani, non a caso però non è gratuito. Non è tanto più facile di altri, ma la sua interfaccia intuitiva permette un rapidissimo apprendimento lasciando quella sensazione di praticità stile WordPress (ma senza la pesantezza di quest’ultimo). Molto comoda la gestione media tramite pannello di upload. A pagamento, $39 a licenza per 1 sito, $99 per 5 doomini o $199/anno senza limiti.
  • Pico: cms basato su Markdown, richiede quindi la composizione e l’upload di file in formato .md che saranno poi tramutati in pagine HTML. Leggero e ben documentato, permette di creare facilmente i propri template potendo importare facilmente interi file HTML. La community ha messo a disposizione diversi plugin. L’unica pecca (lato utente finale) è che non permette l’editing online di contenuti ma richiede l’upload dei file via FTP. Nulla di insormontabile comunque. Free.
  • Hyperframe: approccio minimalista ma efficace per un cms che punta a semplificare al massimo le operazioni di editing online. Il risultato finale garantisce un’ottima velocità. Free
  • Grav: riconosciuto dagli sviluppatori come uno dei migliori in assoluto, permette di fare (quasi) ogni cosa rispetto ad un tradizionale cms database-based. E’ però anche il più complesso ed ha una curva di apprendimento più ampia rispetto agli altri. Vale sicuramente il sacrificio di un paio di pomeriggi di approfondimento. Free.

Ne esistono diversi altri in rete, ciò che conta è come sempre adottare la soluzione più idonea al sito in questione e non utilizzare sempre e comunque gli stessi strumenti anche se non idonei.

Post correlati
I più letti del mese
Tematiche